Trekking nella natura: innamorarsi dell'Umbria a piedi

  • Autore: roberta sabatini
  • 17 ott, 2017
le colline di Spoleto con un acquedotto
Sono tanti i benefici del trekking, e non solo a livello fisico: se, ovviamente, il nostro corpo si rinforza, cuore e polmoni ci ringraziano e le articolazioni si sciolgono, anche la nostra mente si svuota, nutrendosi della bellezza della natura e rigenerandosi. L'Umbria è la meta ideale per chi pensa che il modo migliore per passare una domenica di relax sia inforcare gli scarponcini e partire alla scoperta di un nuovo angolo di bosco.

Oltre alla Via Francigena e al suggestivo Sentiero degli Ulivi, infatti, sono tantissime le opzioni offerte dal territorio. Noi dell'Albergo Ristorante La Macchia, amanti del trekking come te, ti suggeriamo alcuni percorsi ideali per scoprire la zona di Spoleto e dintorni e ti aspettiamo per rigenerarti con i comfort della nostra struttura e le delizie della nostra cucina.

Il sentiero Spoleto-Monteluco

Conosciuta come “la Corta”, la strada che porta a Monteluco da Spoleto richiede circa un'ora di cammino e ti permetterà di immergerti in luoghi tanto belli e fatati da essere considerati sacri. Troverai sulla tua strada il Bosco Sacro di Lecci dove potrai anche fare bird watching e avvistare il picchio verde, il picchio rosso maggiore e il picchio muratore. Arriverai poi nella suggestiva zona degli eremi, oggi parte di residenze private ma comunque meritevole di uno sguardo. Proseguendo sul sentiero verso il monte ti imbatterai nel convento di San Francesco e in una copia della Lex Spoletina, la cui versione originale, risalente al III secolo a.C., è conservata nel Museo Archeologico Nazionale di Spoleto. Potrai poi finalmente riposarti nel belvedere prima di tornare in quel di Spoleto.

L'anello di Castelmonte

Gli amanti della montagna troveranno nell'anello di Castelmonte un percorso all'insegna dell'aria buona e delle meraviglie della natura. Si parte dalla periferia Est di Spoleto e ci si tuffa subito in un incantevole bosco, per poi raggiungere la località di Santa Elisabetta, a 400 m di altezza, dove potrai visitare l'ex Chiesa dedicata alla santa e godere di un panorama mozzafiato. Ricordati di guardare a terra mentre cammini, perché potresti incontrare il bellissimo anemone stellato.

L'ex ferrovia Spoleto-Norcia

Inaugurata nel 1926, la ferrovia che univa Spoleto e Norcia fu chiusa nel 1968, ma il sentiero dismesso è percorribile a piedi o in mountain bike ancora oggi. Il percorso copre 34 dei 52 km originali, e per la sua bellezza è chiamato “Il Gottardo dell'Umbria”. Si parte dalla vecchia stazione di Caprariccia, si viaggia lungo un appassionante sentiero che attraversa vecchie gallerie e valli, e si arriva a Santa Anatolia di Narco, dove è possibile visitare il museo della canapa. Attualmente alcune zone sono chiuse al pubblico per via del sisma del 2016, ma gran parte del percorso è stato giudicato sicuro dalle autorità competenti.

Ti sei incuriosito? Vorresti saperne di più su altri sentieri, o magari andare alla scoperta del Parco del Subasio?
Mettiti in contatto con noi per conoscere gli sconti e le offerte dedicate agli amanti del trekking a Spoleto.
Autore: roberta sabatini 07 nov, 2017

Spoleto è una città che si snoda sulle pendici del colle Sant’Elia, su di un territorio la cui conformazione rende tipico il paesaggio. Da questa posizione dominante, dove è stata edificata anche la Rocca Albornoziana, si può ammirare tutta la valle e la cittadina dall’alto: uno spettacolo che toglie il fiato.

Tutta la zona circostante è un vero e proprio paradiso per gli amanti della natura e per chi ama visitare le zone rurali, lontano dai grandi centri abitati e dal traffico.

La montagna di Norcia e la Valnerina vantano inoltre stretti rapporti di natura culturale ed economica con la città di Spoleto, com’è testimoniato dall’esistenza della Via Nursina, una strada che metteva in comunicazione queste zone. Il suo percorso è stato modificato nel corso del tempo e reso più comodo per motivi dovuti alle comunicazioni e ai trasporti tra le varie zone.
Autore: roberta sabatini 17 ott, 2017
Sono tanti i benefici del trekking, e non solo a livello fisico: se, ovviamente, il nostro corpo si rinforza, cuore e polmoni ci ringraziano e le articolazioni si sciolgono, anche la nostra mente si svuota, nutrendosi della bellezza della natura e rigenerandosi. L'Umbria è la meta ideale per chi pensa che il modo migliore per passare una domenica di relax sia inforcare gli scarponcini e partire alla scoperta di un nuovo angolo di bosco.

Oltre alla Via Francigena e al suggestivo Sentiero degli Ulivi, infatti, sono tantissime le opzioni offerte dal territorio. Noi dell'Albergo Ristorante La Macchia, amanti del trekking come te, ti suggeriamo alcuni percorsi ideali per scoprire la zona di Spoleto e dintorni e ti aspettiamo per rigenerarti con i comfort della nostra struttura e le delizie della nostra cucina.
Autore: roberta sabatini 07 set, 2017
L'Umbria è considerata il polmone verde d'Italia, ed è una delle mete favorite dagli amanti del trekking che desiderano abbandonare per un po' la montagna e dedicarsi a sentieri più semplici, ma non per questo meno interessanti. Uno di questi è il Sentiero degli Ulivi, un percorso di circa 75 km che porta da Spoleto ad Assisi, raggiungendo quote di 500-600 metri di altitudine. Sono diversi i centri abitati rinomati che toccherai se deciderai di compiere questo cammino: tra questi ricordiamo ovviamente Spoleto, Campello, Trevi, Foligno, Spello e Assisi. Ma sulla tua via troverai anche paesaggi suggestivi, sterminate spalle di ulivi, e i cosiddetti “castelli”, ovvero piccoli insediamenti urbani di epoca romana che rappresentano senza dubbio una tappa molto interessante.
Autore: roberta sabatini 04 set, 2017
Gli amanti della camminata, del trekking e dei pellegrinaggi lo sanno bene: la Via Francigena è senza dubbio uno tra i percorsi più affascinanti da compiere a piedi. Si tratta dell'insieme di antiche vie che, in epoca medievale, univano i principali centri religiosi dell'Europa orientale a Roma. Riscoperta alla fine degli anni Settanta, la parte italiana della Via è stata valorizzata attraverso l'individuazione di percorsi ufficiali adatti a tutti, per un viaggio unico e indimenticabile alla scoperta di alcune tra le più belle regioni italiane. Particolarmente affascinante è la parte umbra della Via Francigena, e non solo per l'amore del Santo d'Assisi per queste terre magiche.

È importante, durante il percorso, trovare strutture che rendano il cammino più lieve e arricchiscano ulteriormente l'esperienza: per la tappa di Spoleto, l'Albergo Ristorante La Macchia è la soluzione perfetta! Scopriamo perchè.
Share by: